Salta al contenuto principale

Sei bellissima così

Sei bellissima così

Quando la realtà appare triste, è bello colorarla con la poesia e attribuirle un paio d’ali attraverso la musica. Così si può celebrare la donna, sempre bella, anche quando al risveglio ha i capelli tutti arruffati e la faccia ancora piena di sogni. È bella sempre la donna: quando in auto alza al massimo il volume dello stereo e rimane sola con se stessa, le sue sensazioni e i suoi ricordi; quando rimane delusa e le sue aspettative di un mondo migliore si infrangono; quando indossa con dignità le ferite del cuore, come fossero medaglie, e mostra l’orgoglio di chi è sopravvissuto; quando si sente sola, ma sa di poter contare su di sé. È ricca di amore, la donna, perché sa che un giorno senza amore è un giorno sopravvissuto; perché sa che nel cuore si crea disordine, quando si sente la presenza dell’amore, ma quando è l’assenza a dominare, allora il disordine diventa spazio vuoto. È bella quando sorride, la donna, perché sa che dentro al suo sorriso abita la vita di chi la ama; è bella quando ama e sa amarsi d’istinto; è bella quando non chiude mai una porta dietro di sé e aspetta; è bella quando il vento le libera i capelli ed illumina i suoi occhi di meraviglia e stupore, mentre un brivido le corre lungo la schiena e le regala un senso di assoluta felicità. “La bellezza di una donna che si lascia leggere gli occhi è incantevole. Diventa speciale quando riusciamo a sfogliarle le pagine dell’anima”. Anche la bellezza di una donna innamorata è incantevole e l’amore non ha bisogno di parole. Spesso è il silenzio - che racchiude una miriade di piccoli gesti - a confermare la presenza dell’amore, unico e prezioso scrigno della felicità. Ma che cos’è la felicità? È il sorriso di un bambino, è l’abbraccio di chi si ama e profuma di casa, è il risveglio dei sensi, è la fortuna di possedere un cuore capace di sentire, di sentire davvero…

Una collezione di pensieri, una raccolta di poesie in prosa che celebrano le donne, la loro unicità, le loro peculiarità, la loro forza e le loro fragilità. Questo è il contenuto del lavoro di Mirko Sbarra, milanese che si divide tra il capoluogo lombardo e la Calabria e la cui notorietà è legata soprattutto al mondo dei social, dove pubblica ogni giorno i suoi aforismi, facendosi portavoce della moderna necessità di comunicare attraverso questo nuovo e accattivante strumento. E di aforismi si tratta anche in questo caso: pensieri che a volte non sono altro che semplici intuizioni o annotazioni, mentre in altre circostanze diventano considerazioni più profonde e maggiormente introspettive. Il denominatore comune, tuttavia, è sempre lo stesso, cioè il grande carisma delle donne, sempre e comunque meravigliose, soprattutto quando non lo sanno o quando nessuno lo sottolinea. La grandezza delle donne, secondo Sbarra, è tutta nella loro unicità, nell’essere così uguali, ma così diverse e straordinariamente bellissime. “Sei bellissima quando ti specchi nella vetrina di un negozio e ti accorgi che stai crescendo, ma non sei cambiata. Sei bellissima e non lo sai quanto bene fai a chi ti sta intorno”. Attraverso un linguaggio estremamente semplice e alla portata di tutti, Sbarra racconta le emozioni e i sentimenti, senza essere troppo zuccheroso; racconta l’animo umano che si apre all’amore e lì trova la sua casa; racconta la speranza che aiuta a credere ancora ai sogni, a patto di conservare l’interiorità stupita e fanciulla che si ha da bambini. Una lettura delicata come una carezza, consigliata a chi abbia voglia di leggere anche solo poche righe per volta e di lasciarle sedimentare nell’anima; una lettura semplice e profonda che usa il linguaggio universale per eccellenza: quello del cuore.