Salta al contenuto principale

Si fa presto a dire elefante

sifaprestoadirelefante

“Glielo giuro, signor maresciallo! Stamattina c’era un elefante nel mio giardino, proprio vicino alla piscina! Lo so, non siamo in Africa, siamo a Genova, e non è neanche stagione di elefanti (gli elefanti, si sa, sbocciano ad aprile) eppure c’era. Glielo giuro sui miei calzini! Non mi crede?”. Il problema non è credere o meno al fatto che ci sia un elefante in giardino, piuttosto capire che tipo di elefante sia, perché gli elefanti non sono tutti uguali, ce ne sono di mille tipi. Sono tante le leggende che vengono narrate, dalla misteriosa Valle degli elefanti, alla mitica città di Elefantia, la prima civiltà elefantesca scoperta dagli studiosi, una gigantesca torre d’avorio in cui tutti i pachidermi vivevano in pace e serenità. Almeno fino a quando Ugo, l’inquilino dell’interno 23, non iniziò a lamentarsi del vicino, dando il via a tutti gli altri elefanti, che esplosero come petardi finendo per litigare furiosamente. La città di Elefantia si svuotò e tutti gli animali si sparpagliarono per il mondo, evolvendosi in mille tipologie diverse: Saxofante, Ikeafante, Elefante-nuvola, Elefante caffettiera…

Migliaia di anni di evoluzione hanno reso gli elefanti molto esigenti, modaioli, tecnologicamente avanzati, attenti alla linea e gran lavoratori. Insomma, un elefante in giardino ci può anche stare... ma bisogna essere precisi, che tipo di elefante? E soprattutto, come mai il signor maresciallo la sa tanto lunga? Il nuovo libro di Sergio Olivotti, grafico, illustratore ed autore di libri per l’infanzia è un concentrato “elefantesco” di buffe creature dai nomi bizzarri e dalle strampalate abitudini. Con fare (semi) scientifico e molto ironico l’autore, attraverso brevi racconti e aneddoti molto fantasiosi, ne racconta la storia, l’evoluzione e le diverse specie in cui si sono modificati nel tempo. La Storia è arricchita da divertenti schede divulgative che descrivono pachidermici personaggi più o meno illustri (come il mitico cuocofante Augusta Barritè, Re Al-Fil primo e unico Re di Elefantia, Dj Fante e Elefante Marino), corredate da colorate illustrazioni. Uno spassoso libro per bambini a partire dagli otto anni, che ben si presta anche a una lettura a voce alta. Forse i lettori più attenti o gli adulti, leggendolo, potranno trovare qualche affinità con altri esseri viventi che nel corso dei secoli hanno subìto una lenta evoluzione e stanno tutt’ora popolando la Terra, diversificandosi in varie etnie, con linguaggi e abitudini diverse e tecnologicamente all’avanguardia. Forse!

 


 

TESTO CRITICA