Salta al contenuto principale

Teresa Papavero e i fantasmi del passato

Teresa Papavero e i fantasmi del passato

Strangolagalli, aprile 2022. Il paese sembra diventato il set di Love boat, come dice Teresa alle sue migliori amiche, Solange e Luigia, al termine della cerimonia civile con cui suo padre – Giovan Battista Papavero, criminologo quasi ottantenne – ha appena preso in moglie Carmen Botteri, poco più che trentenne, inviata di punta del programma Dove sei? con cui Teresa, criminologa accreditata e proprietaria, insieme a Luigia, del B&B Le combattenti, collabora in qualità di consulente. Eh, già. Perché, oltre a suo padre, anche Danko e Ivanka si sono sposati. Lui, fedele alleato di Teresa, è stato il braccio destro di Papavero padre, mentre lei, un paio d’anni prima, ha salvato la vita a Teresa che, per riconoscenza, ha deciso di prenderla con sé. Inoltre Romoletto e Chantal, anch’essi di Strangolagalli stanno per convolare a nozze, mentre Antonia è riuscita a conquistare il cuore di Floriano che, per amor suo, ha lasciato Jolanda. Si sta parlando, ovviamente, di altri tre abitanti del paesotto in cui vive Teresa e nel quale, ultimamente, ne sono successe delle belle, tanto da aver avuto bisogno di scomodare pure la polizia. E a proposito di polizia, anche l’ispettrice Isabella Carli sta per sposarsi. Ma non con il collega Leonardo Serra, di cui era innamorata, ma con Maurizio Tancredi, medico legale che, all’epoca della prima indagine in cui Teresa è stata coinvolta, aveva dichiarato il suo amore proprio a lei e non certo all’ispettrice. Ma vabbè, la vita è strana: ora Isabella sta per sposare Maurizio, Teresa non ha alcuna intenzione di legarsi ad alcuno, e Leonardo... Già, che fine ha fatto Leonardo? È impegnato in faccende ben diverse da un matrimonio: sta agendo sotto copertura, spacciandosi per Vincenzo Scapece, nipote di Don Salvatore Soto, il più potente boss mafioso della sua generazione. Don Salvatore lo ha appena fatto chiamare, per rivelargli che non gli resta molto da vivere: un cancro al pancreas lo sta consumando e i suoi giorni sono contati. Ecco perché il suo ultimo desiderio, prima di morire, è quello di vedere la figlia Rosalia sposa proprio a lui, Vincenzo, uno dei pochi uomini di fiducia su cui il capo mafia possa ancora contare...

L’odore di fiori di arancio che aleggia nell’aria tutto intorno a Teresa Papavero, proprietaria del B&B più famoso di Strangolagalli, non raggiunge l’eccentrica criminologa, decisa a resistere a ogni tentazione e a restare single. Scelta quanto mai saggia, visto che ogni volta che un uomo lambisce la sua esistenza, tempo qualche mese e questi si fa di nebbia e scompare. E poi, a dirla tutta, negli ultimi tempi sono altre le preoccupazioni di Teresa: è sulle tracce della madre e pare abbia trovato una pista che potrebbe portarla a un punto di svolta. Inoltre, una donna arrivata al B&B con una certa urgenza di parlarle ma trovata morta in camera poco dopo il suo arrivo, ha lasciato dietro di sé qualche indizio, tra cui una foto, che potrebbe aiutarla a svelare il mistero. Parecchia carne al fuoco quindi per la psicologa criminale originale e strampalata frutto della penna sagace e della vivida fantasia di Chiara Moscardelli, autrice romana d’origine e milanese d’adozione che sa far ridere con le parole, ma anche riflettere. Sì, perché i suoi romanzi, inclusa la serie che ha Teresa Papavero come protagonista ed è arrivata al terzo volume, sono così: divertenti, leggeri e spassosi, ma anche capaci di suscitare interrogativi interessanti e di invitare il lettore a riflettere sul significato di alcuni dei più importanti valori dell’esistenza: l’amicizia, la solidarietà, l’amore, l’empatia. Leggere i libri della Moscardelli significa divertirsi tra colpi di scena, situazioni improbabili e botte di fortuna; emozionarsi di fronte a gesti di estrema generosità o indignarsi davanti alla stupidità umana; riconoscere la professionalità di un’autrice che sa lavorare con le parole e scandagliare i sentimenti umani. Leggere di Teresa Papavero significa, soprattutto, non annoiarsi e godere del piacere di una buona lettura.