Salta al contenuto principale

Per tutto il resto dei miei sbagli

pertuttoilrestodeimieisogni

È un gelido pomeriggio di dicembre e Marta è in auto con Olivia, la sua amica di sempre. Si trovano in autostrada, sulla A1 direzione Modena, e la bocchetta del riscaldamento della Punto grigia di Olivia spara così tanta aria calda che se chiude gli occhi a Marta pare di essere su un aereo di linea, vicino al motore. Non ne può più della musica latina che Olivia ha scelto per accompagnare il loro viaggio, ma l’amica, prendendosi gioco di lei, non ne vuole affatto sapere di abbassare il volume o di smettere di cantare, sbagliando tra l’altro tutte le note. Cinque bachate dopo, persa ogni speranza, Marta cerca di distrarsi guardando fuori dal finestrino, mentre l’amica continua a guidare imperterrita, il petto attaccato al volante. Olivia è fatta così: è una ragazza intraprendente e pratica, laureata da un mese in Giurisprudenza con il massimo dei voti e dotata della giusta dose di cazzimma. Marta, invece, è più insicura, specie se si tratta di rapporti con i ragazzi. Vive ogni sua relazione nel timore continuo di non essere sufficientemente affascinante, intelligente, bella o simpatica per lo standard del compagno di turno. Quindi, ovvia conseguenza di tanta insicurezza, finisce per modificare il suo modo di vestire, di parlare e di comportarsi a tal punto da risultare esattamente ciò che non è, ogni volta sempre più sfiduciata e sempre più diversa dalla sua vera natura. E forse è proprio per punirsi della sua scarsa autostima che non fa altro che affiancarsi a persone lontane anni luce dal suo vero modo di essere ed estremamente difficili da compiacere. Ora, per esempio, sta con Dario, che è l’esatto opposto del ragazzo che avrebbe voluto accanto a sé. Oggi, però, non è la giornata giusta per rabbuiarsi con questi pensieri. Oggi le due amiche stanno raggiungendo Modena, dove Marta potrà assistere al concerto dal vivo del suo gruppo preferito. Oggi, quindi, non c’è spazio per la tristezza…

Il primo romanzo di Camilla Boniardi, influencer nota sui social con il nome di Camihawke, vanta il record di essere andato in seconda ristampa ad appena 48 ore dall’uscita. D’altra parte, la Boniardi è un’influencer da oltre un milione di follower; è una ragazza capace di mostrare al proprio pubblico la spontaneità, l’ironia e la semplicità che la caratterizzano ed è quindi molto amata. Chi la segue conosce la sua abilità nell’utilizzare le parole, la sua apprezzabile proprietà di linguaggio e la sua indiscutibile capacità di scrittura. Da qui all’acquisto del suo primo lavoro editoriale, quindi, il passo è stato breve. La Boniardi ha scritto una storia gradevole e scorrevole, rivolta allo stesso pubblico giovane che ama seguirla sui social; ha narrato un racconto che assomiglia molto - anche se l’autrice ha più volte ripetuto che la vicenda non è autobiografica, ma frutto di finzione letteraria - alle sue vicende personali, condivise a partire dal 2015 attraverso le storie di Instagram e altri canali sociali di cui l’influencer si serve. La protagonista, Marta, è una venticinquenne studentessa di Giurisprudenza - facoltà della quale non è convinta fino in fondo - e pare vivere una vita piuttosto spensierata, se non fosse che le sue relazioni amorose fanno acqua da ogni parte, anche a causa del persistente senso di inadeguatezza che permea ogni suo rapporto di coppia. Marta, con le sue paure, le sue incertezze, i suoi tentativi di rifuggire la mediocrità, rappresenta sensazioni e stati d’animo dei suoi coetanei, giovani alla ricerca di un’identità che li caratterizzi e li distingua gli uni dagli altri. Quando poi finalmente l’amore - quello vero e profondo, quello maturo che rifugge ogni egocentrismo in nome della felicità dell’altro - si palesa nella figura di Leandro, l’eroe perfetto, Marta sembra trovare il suo posto nel mondo. Ma le cose, si sa, non vanno mai come ci si aspetta e nuovi ostacoli si frappongono ben presto tra la giovane e la felicità. Una storia d’amore - raccontata da una penna leggera che non ha la pretesa di creare un capolavoro letterario ma che è in grado di padroneggiare le parole - che vuole accompagnare i giovani lettori alla scoperta dei turbamenti del cuore, mostrando che spesso nella vita le circostanze possono cambiare e portare un raggio di sole là dove si pensava ci fosse solo buio.