Salta al contenuto principale

Birdland

Birdland
Le vicende onirico-sessual-sentimentali di due coppie "aperte": la prima, ufficialmente sposata, formata da Fritz e Mark; la seconda composta invece da Petra (sorella di Fritz) e da Simon, il fratello di Mark. Non ci sarebbe nulla di straordinario in queste due relazioni se non fosse per il fatto che Fritz è in realtà innamorata di suo cognato Simon, mentre Petra è a sua volta innamorata di Mark. Quest'ultimo inoltre risulta essere l'oggetto del desiderio di un nutrito stuolo di avvenenti spogliarelliste, ovvero della bionda Inez e della mora Bang Bang (che sul palco formano un affiatato duo), oltre che della propria ex moglie, La Valda, che contende alle altre due il primato di miglior spogliarellista della città. A complicare ancor di più l'intera vicenda contribuiscono sia il misterioso ciondolo al collo della avvenente psicologa Fritz sia alcune misteriose presenze aliene...
Gilbert è sicuramente il più noto dei tre fratelli Hernandez (gli altri due sono Jaime e Mario), i tre straordinari artefici di Love and Rockets, una delle saghe fumettistiche alternative più longeve (1981-1996) e apprezzate di sempre, di cui questo Birdland si configura come una sorta di filiazione porno. Del resto alcune delle tematiche che hanno solitamente contraddistinto Love and Rockets, come il vuoto esistenziale e le frustrazioni dei protagonisti, sono presenti anche in questo lavoro di Beto Hernandez risalente al 1992. Legame peraltro confermato anche dalla presenza delle due sorelle Fritz e Petra, già apparse in precedenza come personaggi secondari di Love and Rockets. La differenza principale alla fine consiste nelle digressioni oniriche presenti con l'avvicinarsi del finale, qui lasciate indubbiamente più a briglia sciolta rispetto alla serie originaria, sempre molto ancorata alla vita reale e alla routine quotidiana dei numerosi personaggi che la popolano. Difatti anche Birdland ha come principale caratteristica l'assoluta anticonvenzionalità, qui peraltro utilizzata da Beto anche per rovesciare la prospettiva maschilista della maggior parte dei fumetti pornografici, ossia affidando alle figure femminili, sempre estremamente determinate nel conquistare la propria preda e a soddisfare le proprie voglie, il ruolo di protagoniste, ben prima di serial tv considerati anticonvenzionali come Sex & the city. Tuttavia alla fine è il sesso, inteso come divertimento e atto liberatorio, a risultare il vero protagonista della storia, inevitabilmente culminante con delle smodate eiaculazioni, non solo maschili ma anche femminili, nelle quali i vari personaggi letteralmente affogano. Riguardo l'aspetto grafico, rispetto a L&R c'è una maggiore cura nella realizzazione dei personaggi, che, pur essendo contemporanei, per il loro aspetto estetico e alcune situazioni rimandano ad una tipologia tipicamente anni '50 e '60, che mescola abilmente i film noir e i melodrammi hollywoodiani di quei due decenni con i lavori di Robert Crumb e con gli Archie Comics, sicuramente da annoverare tra le influenze più riconoscibili dell'autore.