Salta al contenuto principale

Élite

elite

A Las Encinas, liceo esclusivissimo per super ricchi, ci sono novità alla ripresa post vacanze. Intanto, è arrivata Janine, quella grassa. In verità non è grassa e lei lo sa, però essendo l’ultima arrivata deve pur essere emarginata per qualche motivo. Janine è arrivata a Las Encinas solo perché i suoi hanno vinto la lotteria: ci può essere qualcosa di più triste? Una parvenu che si sente una dell’élite. Lei, in verità, non si sente gran che, ha già troppi grattacapi con Mario, super figo super bullo, che arriva a schiaffeggiarla a scuola scatenando un mezzo finimondo. Non sta messa bene nemmeno Maria Elena, sparita dalle scene per due mesi per disintossicarsi dalla droga. Così giovane e già piegata dalla vita. Del resto, come si può accettare di vivere con una madre psichicamente instabile, ubriacona, che ti odia e ti accusa di ogni suo insuccesso? C’è di che uscire matti. Solo Gorka, inizialmente, sa di questi retroscena che la ragazza tiene abilmente celati, per non incrinare la sua immagine. Del resto, è il suo migliore amico. Eppure quanto è difficile tenere i segreti! E così Gorka, sedotto dalla ragazza sbagliata che però è innamorata di un altro, finisce per spifferare i turbamenti di Maria Elena, scatenando un altro putiferio. Ma la verità è che, intorno ai turbamenti adolescenziali di questi liceali, si aggira la polizia, che ha in mano un misterioso diario che accuserebbe qualcuno tra loro di omicidio. Sì, perché mentre si scassano di feste e pettegolezzi, Marina, quella bella e brava, viene trovata morta…

Élite nasce come teen series Netflix, tre parole sinonimo di successo assicurato. Gli adolescenti di mezzo mondo hanno amato i liceali spagnoli snobissimi di Las Encinas, che dietro ad abiti firmati, soldi e frivolezze tramano, soffrono, mentono. Forse anche uccidono. Il romanzo è la novelization della serie, pubblicato saggiamente nel 2020 per scaldare i motori prima della partenza dell’attesissima quarta stagione, prevista per giugno 2021. Nella trama del romanzo, per ragioni legate al mezzo, alcuni passaggi sono stati modificati. La differenza sostanziale è il diario: poco dopo il ritrovamento del corpo senza vita di una studentessa, un diario pieno di minacce e insulti all’indirizzo della ragazza viene misteriosamente consegnato alla polizia. Chi l’ha scritto e chi l’ha consegnato agli investigatori? Un mistero nel mistero. Così, pagina dopo pagina (del diario e del romanzo), le indagini ricostruiscono collegamenti, relazioni, moventi, fornendo alla narrazione l’innesco per presentare i personaggi che, con qualche aggiustamento, sono i medesimi della serie. La trasposizione in romanzo di una storia nata per il cinema (poi anche Tv, videogames) ha radici lontane, dal cinema muto di inizio Novecento ai super bestseller tratti da Star Wars. Di fatto, il romanzo era l’unico modo per “rivivere” un film amato quando la Tv on demand era di là da venire. Nonostante oggi ci siano infinite possibilità di rivedere i titoli preferiti, questo genere continua a trovare il suo posto in libreria, un po’ come azione di marketing (come in questo caso, teasing per la prossima serie) un po’ dimostrando che una storia ben scritta può prendere ispirazione da qualsiasi fonte.