Salta al contenuto principale

Outer Darkness - Il suono dell’odio

Outer Darkness - Il suono dell’odio

Continua il viaggio interstellare del capitano Joshua Rigg con l’astronave “Caronte”. Demoni e maledizioni colpiscono i viandanti e le astronavi che solcano gli spazi cosmici: nel caso della “Caronte”, sembra che l’equipaggio sia stato colpito da una strana maledizione che rende tutti molto aggressivi e pronti ad ammazzare senza spiegazione gli amici e compagni di viaggio. Sarà il capo esorcista Reno a capire l’origine del problema; durante uno scalo, la nave è stata infestata dai fiori dell’odio: una strana pianta che trasforma in un incubo collettivo i sogni delle persone che respirano il profumo delle infiorescenze. Ma ovviamente non c’è solo questo problema a scompaginare la rotta dell’incrociatore: il capitano Joshua Rigg deve fare i conti con l’ufficiale Alastor Satalis che lo vuole morto e con l’ammiraglio Prakash, che gli ha commissionato la missione, per la sua condotta bizzarra e ai limiti della legge. Non sembra quindi possibile uscirne vivi, a meno di assoldare un esercito privato di mercenari ed esorcisti...

La saga di Layman e Chan, al suo secondo episodio, prosegue con il misto di splatter e fantascienza che aveva fatto alzare i pollici per il volume d’esordio e aggiunge polpa ai background dei personaggi principali, in particolare quello del capitano Rigg, che proprio nella sequenza di tavole iniziali sembra aver avuto un passato molto tormentato. In più vengono aggiunti nuovi e interessanti protagonisti: in particolare la Sorella Magdalena Antonia, che permette di collegare gli avvenimenti del futuro addirittura alla disinfestazione di una casa maledetta durante la Seconda Guerra Mondiale e fa emergere particolari interessanti anche sulla psicologia del cadetto Sydzek. I disegni sono come al solito spettacolari con riferimenti ultraclassici alla sci-fi di Star Trek e alle mostruosità di Lovecraft. Ad ogni pagina c’è un colpo di scena e nel finale gli autori lasciano ovviamente tutto in sospeso e ci fanno attendere con trepidazione la stampa dei prossimi episodi. Un miglioramento insperato del primo volume. Consigliati entrambi.