Salta al contenuto principale

La gara di bowling

La gara di bowling

Francesca ha dieci anni, frequenta la classe quinta e ha due migliori amiche, Barbara e Margherita. Andare a scuola le piace molto, al mattino la accompagna il papà e la mamma invece la va a riprendere al termine delle lezioni. Quando può giocare con la palla e fare musica le sue giornate a scuola sono bellissime, ma ci sono giorni in cui invece ogni cosa sembra andare per il verso sbagliato e la bambina inizia ad agitarsi e ad andare in crisi; sì, perché Francesca soffre di disturbo dello spettro autistico e per lei è molto importante mantenere delle abitudini, a casa e anche a scuola. I suoi compagni e i suoi insegnanti la conoscono e riescono quasi sempre ad aiutarla se la vedono a disagio, grazie anche alla collaborazione dell’insegnante di sostegno e dell’educatrice. Ma sarà durante una gara di bowling che la bambina potrà finalmente dare il suo prezioso contributo a tutta la classe, aiutandola a salvare una gita scolastica che oramai tutti consideravano annullata per mancanza di fondi...

Un libro che racconta la storia di un’integrazione felice, adatta ai lettori dai sette- otto anni di età. Il testo è in alta leggibilità, breve e con ampi margini bianchi tra le pagine, le illustrazioni ad acquarello, su fondi bianchi, rappresentano la bambina in maniera delicata e poetica. Le persone che soffrono di autismo hanno difficoltà ad instaurare delle relazioni sociali, utilizzano il linguaggio in maniera particolare e presentano comportamenti ripetitivi e limitati. Eppure la protagonista è una ragazzina felice e serena, ha due genitori che le vogliono bene e che sanno come aiutarla nei momenti difficili. Anche nell’ambiente scolastico è ben inserita, si percepisce chiaramente che gli altri alunni la conoscono e sanno come rapportarsi con lei e con le sue problematiche. Il finale della storia, con la gita finalmente possibile grazie soprattutto al contributo prezioso di Francesca che sa giocare a bowling, è un riconoscimento delle sue capacità e del suo valore per l’intera classe.